71 views 2 mins 0 comments

Commemorazione Fosse Ardeatine: Tensioni tra ANPI e Governo

In POLITICA
Marzo 24, 2024

In occasione dell’anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine, l’Italia si ferma a rendere omaggio alle 335 vittime di uno dei più tragici episodi della Seconda Guerra Mondiale sul suolo italiano. Il 24 marzo 1944, in risposta all’attacco partigiano in via Rasella, le truppe di occupazione naziste perpetrarono questo terribile massacro, lasciando una cicatrice indelebile nella storia del paese.

Nell’atto di ricordo del sacrificio di queste persone, si manifestano, tuttavia, posizioni divergenti tra il governo attuale e l’Associazione Nazionale Partigiani Italiani (ANPI). La premier Giorgia Meloni ha sottolineato l’importanza di onorare la memoria delle vittime, senza fare distinzioni di background politico o religioso, evidenziando che l’eccidio rappresenta una delle ferite più dolorose per la comunità nazionale.

D’altra parte, l’ANPI attraverso le parole del suo presidente Gianfranco Pagliarulo, critica apertamente la narrazione presentata dalla premier, evidenziando la necessità di riconoscere la provenienza ebraica e antifascista della maggior parte delle vittime e le responsabilità dei fascisti italiani, quali, per esempio, quelle del questore Caruso, poi condannato a morte per la sua partecipazione nell’evento. L’associazione accusa Meloni di omettere questi dettagli fondamentali, portando avanti quello che considerano una rilettura distorta della storia che avrebbe l’intento di nascondere le responsabilità specifiche e di denigrare il valore dell’antifascismo.

Il presidente del Senato, Ignazio La Russa, interviene sottolineando l’orrore dell’eccidio e l’importanza di custodire la memoria di quanto accaduto, come dovere nei confronti delle generazioni future.

La commemorazione delle Fosse Ardeatine pone ancora una volta la questione di come trattare la memoria storica, tra la necessità di omaggiare unitariamente le vittime, e il diritto di riconoscere il contesto politico e personale in cui la strage è avvenuta. Queste tensioni riflettono la complessità del rapporto con il nostro passato e la difficoltà nel trovare un terreno comune nel ricordare eventi che hanno sconvolto undivisamente la nazione. Il dialogo tra visioni differenti è fondamentale per una commemorazione inclusiva che possa fare giustizia a tutte le vittime dell’odio e della violenza.