45 views 3 mins 0 comments

Crisi Immobiliare in Cina e Recupero dell’Euro: Il Doppio Scenario Finanziario Attuale

In ECONOMIA
Giugno 11, 2024

I mercati azionari asiatici hanno registrato comportamenti contrastanti nella recente seduta di scambio, delineando un panorama finanziario ancor più sfaccettato. A un moderato incremento di Tokyo e Seul, che hanno marcato rispettivamente un guadagno dello 0,3%, si oppone la discesa preoccupante dei listini cinesi, debitrici di un’ormai dilagante crisi immobiliare.

Il nodo principale di questa preoccupante situazione risiede nelle vicissitudini di Dexin, un noto sviluppatore immobiliare ora soggetto a liquidazione giudiziale. Questa circostanza ha riverberato negativamente su Hong Kong, Shanghai e Shenzhen, trascinandole ai livelli minimi dalla primavera scorsa con decrementi che hanno toccato picchi del 1,4% per Hong Kong e dell’1% per Shanghai, mentre Shenzhen ha limitato la perdita allo 0,3%.

Parallelamente, il settore delle auto elettriche ha subito oscillazioni in attesa di decisioni cruciali da parte della Commissione Ue riguardo l’imposizione di dazi sui veicoli importati dalla Cina. Questo clima di incertezza, amplificato dall’imminenza dei dati sull’inflazione e dalle imminenti decisioni della Federal Reserve americana, contribuisce a generare un’atmosfera di sospesa attesa tra gli investitori che guardano con apprensione ai movimenti delle principali banche centrali.

Guardando al Vecchio Continente, nelle ore mattutine, gli indice dei futures sull’Euro Stoxx 50 segnalava un timido ma positivo +0,2%, segno che, nonostante le turbolenze delle ultime elezioni europee e le caute parole di Christine Lagarde sulla non linearità dei futuri interventi sui tassi di intereste, esiste ancora una certa fiducia in un recuperato dinamismo del mercato.

In un tale contesto incentrato sulla volatilità dei tassi, emergono segnali di recupero anche from parte dell’euro. La moneta unica, infatti, ha mostrato una ripresa, contrattandosi a 1,077 dollari dopo aver sfiorato i 1,073 dollari post-elezioni. Un segnale che, nonostante le incertezze, l’euro mantiene una sua robustezza intrinseca.

Sul fronte energetico, si registra una relativa stabilità, con il prezzo del petrolio (West Texas Intermediate) che evidenzia una leggera flessione dello 0,1%, posizionandosi a 77,64 dollari al barile. Anche qui, il mercato sembra aspettare nuovi input che possano indirizzare gli investimenti futuri.

Complessivamente, questo scenario delineato mette in luce non solo le difficoltà correnti, ma soprattutto la resilienza e la capacità di adattamento dei mercati finanziari internazionali. In un epoca di rapido cambiamento e incertezza, la capacità di interpretare questi segnali e adattarsi di conseguenza rappresenterà la vera bussola per investitori e policy maker.