44 views 3 mins 0 comments

Decisa Approvazione del Disegno di Legge sulla Cybersicurezza alla Camera

In POLITICA
Maggio 15, 2024

La Camera dei Deputati ha espresso un convinto assenso al disegno di legge riguardante la cybersicurezza, ponendo così un decisivo punto di svolta nell’ambito della legislazione italiana su questa delicata e attuale materia. Il voto ha visto prevalere un ampio numero di favorevoli, con 149 sì, mentre le astensioni sono state 109 e i contrari si sono fermati a soli 8. Quest’ultimi includono rappresentanti di Italia Viva, Azione, Movimento 5 Stelle e Partito Democratico, che hanno preferito astenersi, e Avs che si è espressa contro la nuova normativa.

Questo testo normativo, che adesso procederà verso il Senato per la seconda lettura, introduce modifiche significative e rilevanti, mirate a inasprire le sanzioni relative ai reati informatici. Ciò risponde a un’esigenza sempre più impellente di adeguamento delle pene in confronto alla crescente sofisticazione e impatto dei crimini digitali.

Una delle novità più salienti del disegno di legge è l’obbligo per le amministrazioni di segnalare gli attacchi informatici entro 24 ore dall’accaduto. Tale disposizione mira a garantire una reazione più tempestiva e coordinata in caso di minacce alla sicurezza informatica, un elemento fondamentale per contenere i danni e prevenire ulteriori infiltrazioni.

Altro pilastro del disegno di legge è l’introduzione della figura obbligatoria del responsabile della cybersicurezza in ogni amministrazione. Questo ruolo sarà cruciale per sviluppare e implementare strategie di difesa efficaci, nonché per assicurare che le pratiche standard di sicurezza siano costantemente aggiornate e rispettate.

Durante il dibattito in Aula, è stato altresì approvato un ordine del giorno firmato da Enrico Costa di Azione, che invita il governo a intervenire sulla regolamentazione dell’uso dei trojan, software che se mal utilizzati possono costituire una minaccia per la privacy e la sicurezza degli individui, nel contesto delle indagini legali. Questo punto solleva questioni delicate relative ai diritti civili e alla sorveglianza, agitando un vivace dibattito sulla bilancia tra sicurezza e libertà individuali.

In sintesi, il disegno di legge approvato rappresenta un passo avanti significativo verso una maggiore sensibilizzazione e fortificamento nel campo della cybersicurezza in Italia. Le nuove disposizioni rafforzeranno senza dubbio le difese nazionali contro gli attacchi informatici, ma sollevano anche interrogativi fondamentali su come equilibrare efficacemente sicurezza, innovazione e rispetto delle libertà personali. Con il testo che ora si muove verso il Senato, la discussione si preannuncia intensa e decisiva per il futuro della sicurezza digitale nel paese.