88 views 3 mins 0 comments

Esplosione di profitti per le società quotate e partecipate dal Mef nel primo trimestre

In ECONOMIA
Giugno 04, 2024

Il panorama finanziario delle principali società italiane quotate e partecipate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze mostra segni tangibili di una notevole crescita. Nel corso del primo trimestre dell’anno, le aziende leader nei settori dell’industria e dei servizi, tra cui figurano nomi come Enav, Enel, ENI, Fincantieri, Italgas, Leonardo, Poste Italiane, Rai Way, Saipem, Snam, STMicroelectronics e Terna, hanno registrato una notevole crescita sia nel fatturato che negli utili.

Le cifre parziali sono alquanto impressionanti: il fatturato combinato delle aziende ha raggiunto i 59,4 miliardi di euro, segnando un aumento del 16,6% rispetto al medesimo periodo del 2023. Ancora più notevole è l’incremento degli utili, che si sono impennati del 121,7%, raggiungendo oltre 5,3 miliardi di euro. A fornire questi dati è il CoMar – Centro Studi, che si è basato sulle comunicazioni finanziarie diffuse dalle singole società.

L’Ebitda (earnings before interest, taxes, depreciation, and amortization), un indicatore chiave della redditività operativa, ha evidenziato un balzo straordinario del 236,4%, posizionandosi a più di 14,1 miliardi di euro. Tuttavia, l’indebitamento finanziario netto si è mantenuto elevato, attestandosi a 110,9 miliardi di euro al 31 marzo.

Analizzando i singoli contribuenti di questo incremento, Leonardo si distingue con un incremento del fatturato del 20,7%, seguita da Terna con il 20,4% e Saipem con il 18%. D’altra parte, aziende come Enel, STMicroelectronics e ENI hanno visto una diminuzione del loro fatturato, il che pone riflessioni sulla varietà di fattori che possono influenzare tale performance.

La crescita esponenziale dell’Ebitda è stata trainata in maniera significativa da Enav, che ha registrato un aumento del 69,6%, seguita da Leonardo con un impressionante 41,6% e Saipem con il 40,3%. In ambito di utili, invece, Leonardo sorprende con un incremento astronomico del 1.141,6%, seguita in modo distaccato da Enel con l’86,7% e da Enav con il 37,1%.

Questi risultati evidenziano non solo la resilienza, ma anche la capacità di queste compagnie di adattarsi e prosperare in un ambiente economico che rimane intriso di sfide. Mentre le variazioni nel fatturato possono riflettere i cambiamenti nel prezzo di vendita o nelle quantità vendute, l’aumento dell’Ebitda suggerisce un miglioramento nelle operazioni e nella gestione dei costi che meritano un’analisi più approfondita.

Tale crescita esemplare offre ampie prospettive di riflessione riguardo le strategie di business adottate dalle compagnie italiane e il contesto economico interno e globale in cui si trovano. Resta da vedere come queste tendenze evolveranno nel resto dell’anno e quali strategie saranno adottate per mantenere questa traiettoria di crescita in un panorama globale che continua a presentare nuove sfide e opportunità.