54 views 2 mins 0 comments

Gaffe del primo ministro libanese all’aeroporto di Beirut

In POLITICA
Marzo 28, 2024

Un momento di incomprensione ha segnato l’inizio della visita ufficiale della presidente del Consiglio italiano Giorgia Meloni in Libano. Il primo ministro libanese, Najib Miqati, ha commesso un errore di riconoscimento all’aeroporto di Beirut che non è passato inosservato, attirando l’attenzione dei media e diventando oggetto di virale condivisione sui social network.

La gaffe si è verificata quando Miqati ha calorosamente accolto con un abbraccio e un doppio bacio sulla guancia Patrizia Scurti, che in effetti è il capo della segreteria particolare della premier italiana. L’equivoco è nato probabilmente dall’attesa che fosse Meloni la prima a scendere dall’aereo, seguendo la prassi del protocollo.

Video della scena mostrano il primo ministro libanese procedere lungo il tappeto rosso assieme a Scurti, apparentemente convinto di aver salutato la presidente del Consiglio italiano. L’equivoco è stato prontamente risolto quando un membro dello staff di Miqati ha attirato la sua attenzione, facendogli notare l’errore. A seguito di ciò, il primo ministro libanese si è prontamente riposizionato ai piedi della scaletta per accogliere la vera ospite d’onore.

Giorgia Meloni è infatti scesa poco dopo, venendo ricevuta con tutti gli onori dalla figura politica libanese. Seguendo un protocollo più formale, il primo ministro e la presidente del Consiglio si sono scambiati una stretta di mano e baci sulle guance, dimostrando professionalità e cordialità nonostante il piccolo intoppo iniziale.

L’episodio, pur essendo oggetto di divertimento sui social, si è concluso con un atteggiamento disteso da entrambe le parti, evidenziando l’importanza di mantenere i rapporti diplomatici stabili e cordiali anche in presenza di piccoli errori umani. Successivamente, i due leader si sono impegnati in discussioni su temi bilaterali, confermando l’impegno a continuare la cooperazione tra i due paesi in diversi ambiti di interesse comune.