35 views 3 mins 0 comments

Governo Todde: Verso la Definizione della Nuova Giunta Regionale Sarda

In POLITICA
Marzo 28, 2024

Nel panorama politico della Sardegna si respira un’aria di attesa e di concitazione. Una nuova fase si apre con il previsto incontro di oggi che vedrà protagonista la presidente della Regione Alessandra Todde insieme alla delegazione del Partito Democratico, guidata dal segretario Piero Comandini. Al centro del dibattito vi è la composizione dell’esecutivo regionale che Todde intende realizzare, mantenendo come faro i principi di competenza e condivisione. In una delicata fase di sintesi, la prerogativa di scegliere spetterà alla governatrice.

Le discussioni interne al Partito Democratico hanno portato alla luce diverse correnti e preferenze, che ora cercano un punto di equilibrio tra le varie proposte. La formazione dei dem, ricca di un appoggio elettorale sostanziale che quasi raddoppia quello del Movimento 5 Stelle, si avvicina al tavolo negoziale con una chiara aspettativa in termini di assessorati. Il dibattito si concentra sul numero di questi ultimi che spetteranno al PD: si parla di un range che va dai tre ai quattro, con l’obiettivo di ottenere anche la presidenza dell’Assemblea. Per Todde, però, quattro potrebbero essere troppo, e nella trattativa non possono essere dimenticate le esigenze amministrative né quelle delle componenti minori della coalizione.

Uno degli aspetti più rilevanti riguarda la questione di genere. In quanto prima donna a ricoprire la carica di presidente della Regione, Todde è determinata a riservare cinque posti su dodici nella giunta a figure femminili. Questo obiettivo porta con sé la necessità di sondare non solo i nomi proposti dai partiti più grandi della coalizione, ma anche quelli di minor rappresentanza.

Al momento, la lista dei possibili assessori è ampia e le variabili da considerare sono molteplici. Non si può trascurare il vincolo della rappresentanza territoriale, aspetto che per molti assume notevole importanza ai fini di un governo regionale coeso e rappresentativo del tessuto sardo in tutte le sue sfaccettature.

L’appuntamento di oggi sarà quindi un crocevia critico per delineare le dinamiche future della giunta regionale della Sardegna. Dall’esito del vertice dipenderanno le decisioni che plasmeranno il quadro del governo locale, con ripercussioni dirette sulla gestione delle politiche regionali e sullo sviluppo dell’isola. Gli occhi sono dunque puntati sulla capacità di dialogo e di negoziazione tra le parti, con la speranza che l’esigenza di competenza e condivisione possano guidare la costruzione di un esecutivo all’altezza delle sfide che la Sardegna si trova ad affrontare.