132 views 3 mins 0 comments

La Maersk Elude l’Attacco degli Houthi e Attracca a Trieste

In ECONOMIA
Gennaio 13, 2024
Nonostante il tentativo di assalto nel Mar Rosso, la nave Maersk arriva incolume a Trieste mentre cresce la tensione sulle rotte marittime e i costi di nolo si triplicano.

Una nave portacontainer della Maersk è approdata al molo settimo del porto di Trieste dopo aver superato indenne un attacco nel Mar Rosso condotto dai ribelli Houthi. La tensione nelle rotte marittime internazionali è palpabile, e il clima di insicurezza ha portato molte compagnie di navigazione a optare per percorsi alternativi al fine di garantire la sicurezza delle loro merci e dei loro equipaggi.

Durante l’assalto, avvenuto pochi giorni fa, l’equipaggio della portacontainer ha dimostrato una prontezza e coordinazione che ha permesso alla nave di non subire danni. Nonostante l’episodio di violenza, l’imbarcazione ha potuto continuare il suo viaggio e approdare nel porto giuliano, dimostrandosi essere la prima a farlo dopo un periodo di due settimane di stallo dovuto alle crescenti insicurezze legate al transito nel noto canale di Suez.

Le rotte marittime attorno allo scalo di Suez stanno vivendo una pressante riconsiderazione da parte delle compagnie di navigazione. La minaccia continua rappresentata dagli Houthi, che mirano a interrompere il flusso libero delle merci, ha messo in luce i rischi legati al passaggio in certe aree geografiche e ha forzato molte imprese a valutare percorsi alternativi, seppur meno efficienti in termini di tempo. Circumnavigare l’Africa, benché aggiunga almeno una decina di giorni al viaggio, si presenta come una scelta più sicura per molte navi, che preferiscono questo lungo giro per raggiungere i porti del Nord Europa.

La situazione ha ripercussioni sul commercio globale non solamente in termini di tempistiche di consegna ma anche per il rapido incremento dei costi di nolo. In poche settimane, tali costi sono triplicati, esercitando un’influenza non trascurabile sugli operatori del Mediterraneo e su quelli delle altre regioni coinvolte. Tale fenomeno, che porta con sé un inevitabile impatto sull’economia globale, solleva questioni riguardo la delicatezza delle rotte commerciali e la loro vulnerabilità a conflitti regionali come quello in Yemen, dove gli Houthi continuano a rappresentare una minaccia considerevole.

Mentre si celebra l’incolumità dei marinai e della nave Maersk a Trieste, l’industria del trasporto marittimo si trova di fronte a sfide significative. La necessità di adattarsi a un panorama di rischio crescente e di gestire costi in ascesa richiederà strategie innovative e collaborazioni internazionali per trovare soluzioni equilibrate e sostenibili che garantiscano la sicurezza senza soffocare la vitalità del commercio globale.