36 views 4 mins 0 comments

La Necessità di Garantire la Libertà delle Vie Marittime

In POLITICA
Giugno 10, 2024

In un’epoca in cui la scena globale è frequentemente scossa da conflitti regionali e tensioni internazionali, l’importanza cruciale delle vie marittime emerge prepotentemente, come ha recentemente sottolineato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Nel suo messaggio rivolto all’Ammiraglio Enrico Credendino, capo di Stato maggiore della Marina Militare, in occasione della giornata della Marina Militare, il Presidente italiano ha enfatizzato come avvenimenti internazionali acuti, quali la guerra in Ucraina, le accelerazioni conflittuali nel Mar Rosso e Golfo di Aden, e le drammatiche ostilità tra Israele e Hamas, abbiano rivelato con urgenza la necessità di proteggere queste rotte essenziali.

La guerra, promossa dalla Russia contro l’Ucraina, ha destabilizzato non solamente l’Europa ma ha reso incerte le operazioni marittime nell’area del Mar Nero. Analogamente, le attività delle milizie Houthi nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden, importunano una delle arterie marittime più trafficate e strategicamente vitali, impiegata per il trasporto del petrolio e delle merci.

La scena mediorientale, define dalla protratta e intensa lotta tra Israele e Hamas, testimonia ulteriori insidie che minacciano la sicurezza delle vie navigabili essenziali per il flusso globale del commercio e della distribuzione energetica. Mattarella ha riassunto efficacemente questi rischi, indicando non solo le rotte specifiche, ma anche l’infrastruttura critica sottomarina che abbraccia sia le linee energetiche sia i nodi di trasferimento dati sottomarini.

Questi eventi si impongono come manifestazioni palpabili del rischio crescente che incombe sulle infrastrutture vitali, essenziali per la vita quotidiana e per il prosperare delle nazioni. Nel contesto globale, le vie marittime non solo facilitano il commercio internazionale, ma sono anche fondamentali nella gestione e distribuzione delle risorse energetiche e nella trasmissione delle informazioni a livello globale. La ricerca Sultan Al Jaber, importante amministratore delegato del gruppo energetico ADNOC, illustra queste dinamiche con una chiarezza allarmante, mettendo in luce come oltre il 70% del petrolio trasportato via mare attraverso questa regione sia destinato agli mercati asiatici, sottolineando così la dimensione globale della questione.

Il messaggio del Presidente Mattarella non è soltanto una dichiarazione di principi, ma un vero e proprio appello all’azione, una chiamata a riconoscere e a rispondere proattivamente alle minacce che pesano sulle strutture marittime e sottomarine vitali. È un invito a collaborare, a rafforzare la vigilanza internazionale e a riconsiderare le politiche di sicurezza per assicurare che le vie marittime restino libere e sicure per tutte le nazioni.

L’interesse italiano in particolare mostra quanto profondamente il Paese sia interconnesso con queste questioni, operando in acque internazionali e supportando missioni multiparti per il mantenimento della pace e della sicurezza marittima. La necessità di una collaborazione internazionale diventa, quindi, un imperativo ineludibile se si desidera preservare la stabilità economica e politica non solo dell’Italia ma dell’intera comunità internazionale.

In sintesi, è essenziale che la comunità internazionale, sotto la guida di entità quali le Nazioni Unite e altri organismi regionali e globali, trovi una strategia unificata per fronteggiare e mitigare le minacce a queste arterie marittime cruciali. La libertà delle vie marittime non è soltanto una questione di diritto internazionale, ma un fulcro su cui ruota l’equilibrio della moderna società globale.