89 views 3 mins 0 comments

La rivoluzione verde di Mixcycling: dagli scarti agricoli al design sostenibile

In ECONOMIA
Marzo 20, 2024

In un mondo dove la sostenibilità ambientale diventa sempre più una tematica centrale, una startup di Breganze, Vicenza, mostra come gli scarti dell’agricoltura possano avere una seconda vita. Parliamo di Mixcycling, fondata tre anni fa, che si sta facendo strada nel campo del riciclo innovativo, contribuendo alla crescita della bioeconomia circolare.

La formula di Mixcycling si basa sulla trasformazione degli scarti organici in materiali biocompatibili. Risorse quali il riso, i fondi di caffè o i raspi dell’uva, ritenuti fino ad ora residui da smaltire, trovano ora una nuova utilità nel mondo del packaging e dell’arredo. Questo processo non solo riduce il volume di rifiuti destinati alle discariche o da incenerire, ma offre anche un’alternativa sostenibile ai materiali sintetici convenzionali.

L’output di questa alchimia ecologica è una gamma di prodotti di uso quotidiano – dai vassoi alle stoviglie, dai contenitori frigoriferi alle sedie. Oggetti che, come dimostrano i primi articoli presentati dalla startup – realizzati con gli scarti della camomilla – coniugano estetica e sostenibilità, mostrando come l’impegno per l’ambiente possa convivere con qualità e design.

Punto di forza dell’azienda è la partecipazione al progetto Horizon Europe Green-Loop, che ha il fine di ottimizzare i componenti bio a base biologica per svariati settori, tra cui edilizia, imballaggi, alimenti e bevande, elettrodomestici e utensili. Il progetto, beneficiando di fondi europei, offre a Mixcycling l’opportunità di collaborare con partner internazionali e di sviluppare un business su scala più ampia.

La visione di Mixcycling e del progetto Green-Loop è quella di un’economia in cui nulla si spreca e tutto si trasforma in modo virtuoso. Le implicazioni di una simile filosofia sono profonde: da un lato la riduzione del danno ambientale e una gestione più efficiente delle risorse, dall’altro una spinta all’innovazione tecnologica e all’occupazione in settori green emergenti.

La presentazione dei prodotti ai partner europei rappresenta un momento significativo per l’azienda vicentina, testimoniando il potenziale fattivo di una strategia di riuso intelligente. Al contempo, invita consumatori e aziende a una riflessione su come scelte quotidiane e industriali possano avere un impatto concreto sulla salute del nostro pianeta.

In conclusione, l’iniziativa di Mixcycling è la dimostrazione concreta di come la circular economy non sia solo un mero concetto teorico, ma una realtà operativa che può condurre a un futuro sostenibile, dove il valere aggiunto è dato dalla riconversione di ciò che prima era considerato scarto in una risorsa preziosa.