260 views 3 mins 0 comments

L’Appello Rivolto dalle Fondazioni per una Riforma Bipartisan del Premierato

In POLITICA
Luglio 11, 2024

Con l’imminente esame alla Camera dei deputati sulla riforma del premierato, un cohorte rilevante di fondazioni e associazioni italiane ha lanciato un appello per un approccio bipartisan che potrebbe definire il futuro politico dell’Italia. Recentemente, durante una conferenza stampa a Roma, rappresentanti delle entità Magna Carta, LibertàEguale, Io Cambio, e Riformismo&Libertà hanno esortato i legislatori a un rinnovato spirito di collaborazione.

Le fondazioni hanno esplicitamente richiesto alla maggioranza di dimostrare apertura verso modifiche significative al disegno di legge già trattato in Senato, nonché di considerare con atteggiamento propositivo gli emendamenti proposti dalle opposizioni. D’altra parte, le opposizioni sono invitate a lasciare da parte pregiudizi e ostilità, avviando un confronto sostanziale sul merito della proposta di riforma.

Uno dei nodi centrali della riforma riguarda la modifica della forma di governo in maniera tale da incrementare la stabilità dell’esecutivo, rispondendo così a un’esigenza sentita da decenni. Le fondazioni pongono l’accento sulla necessità di armonizzare la riforma del premierato con i sistemi elettorali, facendo eco alle indicazioni della Corte costituzionale che ha sottolineato l’importanza di coerenza tra forma di governo e modalità elettorale.

Tuttavia, l’analisi delle modifiche attuate dal Senato rivela che alcune criticità non sono state ancora risolte. Ad esempio, rimane immutato il quorum per l’elezione del presidente della Repubblica, così come non è stato ampliato il collegio elettorale per questa figura. Inoltre, aspetti cruciali come la maggioranza necessaria per sostenere il presidente del Consiglio, le soglie per l’eventuale attribuzione di premi di maggioranza, e la loro estensione sono lasciati ai futuri provvedimenti elettorali senza una direzione chiara al momento.

La manifestazione evidente di preoccupazione traspare anche nel modo in cui è stata trattata la disposizione dei voti degli italiani all’estero e l’eventuale incongruenza nei risultati tra Camera e Senato, questioni che necessitano di una trattazione accurata e integrata con la riforma in discussione.

La proposta che ora giace nelle mani dei deputati non è solo una questione di modifiche legislative, ma si configura come un potenziale pivotale nella politica italiana, una che potrebbe definire la solidità e l’efficacia del governo. Le fondazioni, con il loro recente appello, non sollecitano semplicemente un cambiamento, ma invocano una trasformazione ponderata e condivisa, che elevi l’interazione tra le diverse forze politiche da una di scontro a una di dialogo costruttivo.

In conclusiva, mentre la riforma del premierato avanza, il dibattito attuale offre uno spaccato illuminante su come le intersezioni di politica, legge e società possono essere navigate. Ogni passaggio, ogni decisione presa in questo ambito non sarà solo un indice della legge ma anche un indice di come la politica vuole configurare la società italiana nei decenni a venire.