59 views 3 mins 0 comments

Mercati azionari europei in ripresa post-elettorale, ma i bond vacillano

In ECONOMIA
Giugno 11, 2024

Le piazze finanziarie del Vecchio Continente mostrano segni di resilienza e recupero in seguito alle recenti elezioni europee, che hanno portato a nuovi assetti politici, principalmente contraddistinti da un successo sovranista e populista. Questa ondata politica ha influenzato la ripresa delle borse europee, benché abbia generato persistenti preoccupazioni nei mercati dei titoli di stato.

Mentre Parigi guadagna un contenuto 0,3% e sia Francoforte che Londra incrementano dello 0,2%, la Borsa di Milano registra invece una lieve flessione dello 0,05%. Questa minima titubanza riflette l’ambigua atmosfera che ancora avvolge gli investitori, in particolare in vista delle imminenti dichiarazioni della Federal Reserve statunitense e dei nuovi dati sull’inflazione degli USA previsti per domani.

Parallelamente, il panorama bond europeo mostra segni inequivocabili di instabilità. L’indice dello spread tra i Btp italiani e i Bund tedeschi si attesta a 140 punti base, con il rendimento del decennale italiano che si mantiene saldamente al 4,07%, il più alto dallo scorso dicembre. Le preoccupazioni sono amplificate dalle recenti dichiarazioni di Christine Lagarde, presidente della Banca Centrale Europea, che ha sottolineato una traiettoria “non lineare” nell’approccio ai tagli dei tassi d’interesse.

La situazione è particolarmente tesa per i titoli di stato francesi, i cui rendimenti hanno visto un’escalation di due punti base, raggiungendo il 3,24%. Questo incremento, il più alto dall’ultima analisi di novembre, prelude a un’atmosfera di incertezza in vista delle imminenti elezioni anticipate in Francia alla fine di giugno.

Nonostante le turbolenze, si osserva un leggero recupero dell’euro, che attualmente viene scambiato a 1,076 dollari, suggerendo una cautela ottimistica tra gli investitori in valuta.

Analizzando le performance aziendali specifiche, a Piazza Affari si distingue il calo del Banco Bpm, che mostra un decremento del 2,2% a seguito di una revisione al ribasso da parte di Morgan Stanley. Al contrario, il principale broker statunitense rivela una preferenza chiara per Mediobanca, che guadagna lo 0,5%, e per Intesa, che registra una minore flessione dello 0,3%. Tra le aziende che meritano menzione per le performance positive troviamo Iveco e Amplifon, entrambe in rialzo dell’1,4%, e Nexi, che aumenta dello 0,7%.

Questo contesto mostra chiaramente come gli equilibri politici emergenti stiano imprimendo una forte impronta sui mercati finanziari. Con elezioni europee caratterizzate da un marcato movimento verso il sovranismo e il populismo, gli investitori rimangono vigili e cauti, considerando attentamente ogni nuovo sviluppo in materia di politica economica e monetaria tanto in Europa quanto oltre oceano.

È evidente che il futuro immediato dei mercati finanziari continuerà ad essere fortemente influenzato dalla dinamica politica globale e dalle reazioni delle banche centrali agli sviluppi economici in corso. Con decisioni critiche in arrivo sia in Europa sia negli Stati Uniti, gli investitori si trovano a navigare in acque complesse e spesso imprevedibili.