110 views 3 mins 0 comments

Milano in Controtendenza: Piazza Affari in Rialzo Mentre il Settore Lusso Vacilla

In ECONOMIA
Gennaio 12, 2024
Rinnovo della licenza con Hugo Boss spinge Safilo in alto; Moncler e Cucinelli registrano cali. Attività frenetica nele utilities con il cambiamento di 4,5 milioni di clienti dalle tariffe maggior tutela.

Nonostante il clima di incertezza che attanaglia i mercati finanziari globali, la Borsa di Milano evidenzia segnali di robustezza, ampliando la propria crescita dello 0,5% in linea con l’andamento positivo degli altri listini europei. L’ottimismo degli investitori si materializza nelle performance di diverse aziende di spicco, soprattutto in alcuni settori chiave.

Il gruppo ottico Safilo segna una performance eccezionale, con un balzo in avanti del 7%, a seguito dell’annuncio del rinnovo della licenza con il colosso della moda Hugo Boss. Questa notizia rappresenta un rilevante segnale di fiducia nel futuro dell’azienda, contribuendo a rafforzare la sua posizione sul mercato.

In controtendenza, il settore del lusso mostra segni di indebolimento a Piazza Affari. Moncler, noto marchio di abbigliamento e accessori di alta gamma, registra un calo dello 0,9%, mentre la maison Cucinelli, simbolo dell’eleganza italiana, evidenzia una flessione dello 0,6%. Questi dati riflettono le tensioni che il settore di alta gamma può sperimentare in contesti di variabilità economica e cambiamenti nei gusti e nelle abitudini dei consumatori.

Sullo sfondo, la situazione dei titoli di stato rimane sotto osservazione, con lo spread tra Btp e Bund che segna un calo, attestandosi a 154 punti e il rendimento del decennale italiano al 3,71%. Ciò indica un clima di maggiore fiducia da parte degli investitori nei confronti del debito italiano.

Altro settore che raccoglie interesse è quello delle utility, grazie ai recenti sviluppi riguardanti le modifiche nel sistema di fatturazione dell’energia. Secondo le indiscrezioni di stampa, si prevedono novità sul fronte delle aste per il passaggio di 4,5 milioni di clienti dal sistema di maggior tutela a quello delle tutele graduali, situazione che apre scenari vantaggiosi per le aziende del settore.

A seguito di queste aspettative, brillano le performance di Hera, che guadagna il 1,7%, seguita da A2a con l’ 1,2% e Enel con l’ 1,1%. Anche il comparto energetico non è da meno, con il prezzo del petrolio in rialzo a scaldare i titoli delle aziende di settore; Saipem, Eni e Tenaris mostrano tutti un incremento, testimoniando una solida crescita.

Nel settore delle telecomunicazioni spicca Tim con un discreto +0,3%, in un periodo in cui si avvicina il rinnovo ai vertici della compagnia e si rincorrono le ipotesi su una possibile nomina di un presidente condiviso tra l’operatore italiano e il socio francese Vivendi.

Le istituzioni bancarie si muovono in modo omogeneo: buone performance sono da registrare per Bper e Mps con rispettivamente +1,4% e +1,1%. Intesa e Unicredit presentano incrementi più modesti, mentre Banco Bpm rimane pressoché stabile.

In un contesto dinamico caratterizzato da sfide e opportunità, il mercato azionario milanese si dimostra capace di intercettare le onde positive, offrendo spunti di riflessione agli investitori che navigano tra i molteplici settori dell’economia italiana.