72 views 3 mins 0 comments

Una nuova era per la giustizia italiana: dettagli sulla riforma in arrivo

In POLITICA
Maggio 29, 2024

La riforma della giustizia approvata di recente dal Consiglio dei Ministri segna un’epoca di significativi cambiamenti per il sistema giudiziario italiano. Sotto la guida del Ministro della Giustizia, il progetto si propone di incarnare quelle che erano le aspettative del noto giurista Giuliano Vassalli riguardo al consolidamento del processo accusatorio.

Alla base della riforma troviamo tre innovazioni principali: l’introduzione di carriere separate per i magistrati, la divisione del Consiglio Superiore della Magistratura (CSM) in due entità separate e la creazione di un’Alta Corte per la disciplina delle toghe. Queste modifiche mirano a chiarire e rendere più efficiente il ruolo dei magistrati, dividendo chiaramente i ruoli tra chi indaga e chi giudica.

Carriere distinte e scelta obbligatoria
Uno dei pilastri di questa riforma è la divisione netta tra i magistrati: da un lato i giudicanti, dall’altro i requirenti o pubblici ministeri. Sin dall’ingresso nella magistratura, ogni individuo dovrà decidere il proprio percorso professionale, optando per una delle due carriere attraverso processi concorsuali differenti. Questa scelta mira a specializzare ulteriormente le competenze e a evitare conflitti di interesse tra l’accusa e la difesa.

Due CSM e sorteggio dei membri
Il Consiglio Superiore della Magistratura, precedentemente unico, verrà scisso in due organi distinti, ciascuno dei quali sarà composto da trenta membri. Venti di questi saranno magistrati (eletti però tramite meccanismi di sorteggio), mentre i rimanenti dieci saranno laici, esperti in materie giuridiche, anch’essi designati attraverso il sorteggio. Questa modifica cerca di eliminare le influenze delle varie correnti all’interno della magistratura, propendendo per una maggiore imparzialità nella designazione dei ruoli chiave.

L’Alta corte disciplinare
Infine, l’introduzione di un’Alta corte, destinata a sostituirsi al CSM per quanto riguarda i procedimenti disciplinari contro i magistrati, rappresenta la terza significativa innovazione. Questo organismo sarà formato da quindici membri, tra cui giudici nominati dal Presidente della Repubblica e altri selezionati tramite sorteggio, garantendo così un’ulteriore livello di obiettività.

Ostacoli e tempi di attuazione
Il cammino verso l’implementazione di queste riforme non sarà breve né semplice. Essendo una modifica costituzionale, il testo richiederà l’approvazione parlamentare con una maggioranza qualificata, dopo di che potrebbe essere necessario un referendum confermativo per ratificarlo completamente. Attualmente, le prospettive puntano a non vedere queste modifiche attuate prima del 2026.

Al di là dei tempi tecnici, la riforma pone l’Italia di fronte a un bivio cruciale nel modo in cui la giustizia viene amministrata. Se da un lato si auspica una maggiore specializzazione e imparzialità, dall’altro emerge la necessità di un dibattito approfondito sulle implicazioni di questi cambiamenti, soprattutto in termini di indipendenza e di efficacia del potere giudiziario nel suo complesso.

In conclusione, mentre il governo avanza verso un sistema giudiziario riformato, la comunità legalitaria e la società civile rimangono in attesa di vedere come queste promettenti modifiche si tradurranno in pratica, sperando che possano effettivamente contribuire a un’amministrazione della giustizia più equa e efficiente.