114 views 3 mins 0 comments

Verso un nuovo corso politico: Il centrodestra conquista Fano

In POLITICA
Giugno 11, 2024

Le urne elettorali hanno delineato una nuova geografia politica nella città di Fano, provincia di Pesaro Urbino. Il candidato del centrodestra, Luca Serfilippi, già noto per il suo ruolo di consigliere regionale della Lega, ha ottenuto una vittoria convincente con il 50,55% dei voti, superando i suoi concorrenti in una sola tornata elettorale. Questo successo rappresenta un significativo spostamento nella fedeltà politica della città, storicamente incline a supportare il centrosinistra.

Cristian Fanesi, sostenuto da una coalizione inclusiva del Partito Democratico, ha ottenuto il 30,03% dei voti. Stefano Marchegiani, appoggiato dal Movimento 5 Stelle e altre forze di sinistra, ha raccolto il 19,42% dei consensi. La frammentazione del centrosinistra ha certamente contribuito alla ascesa di Serfilippi, che ha saputo capitalizzare sulle divisioni interne dei suoi avversari.

La situazione politica a Fano si contrappone a quella di Pesaro, dove il centrosinistra conferma la sua presenza dominante. Andrea Biancani, esponente di spicco del Partito Democratico e Vicepresidente del Consiglio regionale, è stato eletto sindaco con il 60,60% dei voti, subentrando a Matteo Ricci. Il candidato del centrodestra, Marco Lanzi, si è fermato al 35,19%, delineando una chiara preferenza verso la continuità politica da parte degli elettori pesaresi.

La dinamica è diversa a Urbino, città che ricorre al ballottaggio per decidere il suo guida politica. Il sindaco uscente Maurizio Gambini, del centrodestra, nonostante un iniziale vantaggio durante lo spoglio, non è riuscito a mantenere la maggioranza assoluta, attestandosi al 47,96%. Federico Scaramucci, rappresentante del centrosinistra, lo segue da vicino con il 44,73% dei voti. Entrambi ora guardano agli elettori di Maria Francesca Crespini, che con la sua lista civica Futura ha ottenuto il 7,3%.

Altro scenario di ballottaggio si verifica ad Osimo, dove Michela Glorio, candidata del centrosinistra, ha ottenuto il 40,09% dei voti, posizionandosi davanti a Francesco Pirani del centrodestra, che ha raccolto il 34,90% delle preferenze. La particolarità di questa competizione risiede nella scissione delle forze del centrodestra, divise tra Pirani e Sergio Antonelli, che ha ottenuto il 25,01% dei voti.

Questi risultati elettorali, variabili e talvolta sorprendenti, illustrano un panorama politico in evoluzione nelle città della provincia di Pesaro Urbino. La divergenza tra le strategie e le alleanze locali dimostra quanto il terreno politico possa essere incerto e imprevedibile, riflettendo una realtà in cui i cittadini sono sempre più informati e critici nei confronti delle offerte politiche locali.

La convergenza politica a Urbino e Osimo ci dice molto sul clima politico attuale e sulle battaglie che stanno definendo il futuro delle politiche regionali. Questi duel elettorali, pieni di strategie e alleanze, saranno decisivi per capire la direzione che queste città prenderanno nei prossimi anni, influenzando non solo la politica locale ma anche quella nazionale.