50 views 3 mins 0 comments

Visioni Fondative: Il Sogno Europeista dei Padri della Patria secondo Mattarella

In POLITICA
Giugno 02, 2024

Nel vigore della celebrazione del 2 giugno, giorno della Festa della Repubblica, il Presidente Sergio Mattarella ha rivolto un messaggio profondamente evocativo e storico al Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone. Nel cuore della sua comunicazione, Mattarella ha ripreso e valorizzato il pensiero dei Padri della Patria, sottolineando la loro visione di un’Italia non solo integrata, ma aperta e proattiva all’interno del contesto europeo.

I “Padri della Patria”, come sono comunemente chiamati i protagonisti della lotta e della successiva costruzione dello Stato italiano, avevano chiaro fin dall’inizio che l’isolamento nazionale non avrebbe comportato altro che limiti e insidie. Questi uomini, che nel 1948 posarono le basi della Repubblica Italiana con la Costituzione, sognavano un’Italia che fosse parte attiva e integrante di un’Europa unita, con uno sguardo ben disposto anche verso tutti i popoli in lotta per la propria libertà nel mondo.

Quest’anno, più che mai, tale messaggio di apertura e integrazione riecheggia con una risonanza particolare, data la scabrosa situazione internazionale, caratterizzata da conflitti e instabilità non solo in Europa, ma anche in Medio Oriente. Il Presidente ha sottolineato l’importanza cruciale del contributo italiano, specialmente quello delle Forze Armate, nel promuovere la pace e la stabilità globale. Lo ha descritto come “prezioso”, un tributo all’attiva partecipazione dell’Italia nelle arene internazionali allo scopo di mediarie conciliare gli interessi spesso confliggenti.

Nella narrazione di Mattarella, emerge un chiaro parallelismo tra l’ideale europeista dei padri fondatori e le moderne aspirazioni internazionali dell’Italia. L’impegno verso la stabilità e la pace globale non è solo una scelta politica o strategica, ma rientra in un quadro ideologico più ampio che affonda le radici proprio negli ideali di apertura e cooperazione propugnati dalla Costituzione italiana.

La coerente enfasi sulla dimensione internazionale del paese, pertanto, non è circoscritta a mere strategie diplomatiche o militari, ma è parte e complemento di un’identità nazionale che aspira a essere ugualmente responsabile, pacifista e proattiva. Le parole di Mattarella non solo commemorano il passato, ma invitano anche alla riflessione sull’odierno ruolo dell’Italia nel mondo, suggerendo che l’interpretazione contemporanea dei principi dei Padri della Patria potrebbe molto bene essere la chiave per affrontare le attuali sfide globali.

In conclusione, il messaggio del Presidente Mattarella durante la Festa della Repubblica va ben oltre la semplice celebrazione del passato. Esso rappresenta un appello vibrante all’Italia di oggi e di domani, a non dimenticare le visioni dei suoi fondatori, a promuovere costantemente gli ideali di libertà e di integrazione, sia all’interno del proprio confine sia al di fuori, nel più vasto contesto europeo e internazionale. In un’epoca di insicurezze, la storia può ancora una volta servire da faro per la navigazione nel presente e gettare le basi per un futuro più stabile e unito.