91 views 3 mins 0 comments

La brevità nelle omelie: la raccomandazione di Papa Francesco

In POLITICA
Giugno 12, 2024

Durante l’ultima udienza generale, Papa Francesco ha fissato nuove coordinate per la conduzione delle omelie all’interno delle celebrazioni liturgiche, esprimendo un’opinione forte sull’essenzialità e la brevità dei messaggi religiosi. Il successo di una predica, secondo il Pontefice, risiede nella sua capacità di trasformare le sacre scritture in una guida pratica per la vita quotidiana, facilitando così un ponte tra la teologia e l’esistenza concreta dei fedeli.

Il Papa ha messo in guardia i sacerdoti e tutti coloro che sono chiamati a diffondere la parola di Dio: un’omelia non dovrebbe superare gli otto minuti. Questa specifica temporale non è casuale né arbitraria, ma nasce da un’osservazione attenta della naturale capacità di attenzione dell’essere umano, che tende a diminuire gradualmente e a disperdersi oltre tale soglia.

Nelle sue parole, Francesco ha delineato gli elementi essenziali che dovrebbero caratterizzare un’omelia efficace. Non una cascata di parole o un’elaborazione complessa di dottrine teologiche, ma piuttosto un’immagine chiara, un pensiero stimolante, una emozione condivisibile. L’obiettivo è che ogni ascoltatore possa facilmente ricondurre il messaggio alla propria vita, trovando nella fede un riferimento pratico e immediato.

La critica del Papa va anche oltre la questione temporale, toccando la qualità della comunicazione religiosa. Francesco ha suggerito che le omelie spesso peccano di prolissità e di scarsa chiarezza. “I preti a volte parlano tanto e non si capisce di che cosa parlano”, ha detto il Pontefice, sollevando un problema fondamentale nella comunicazione ecclesiastica: la perdita di focalizzazione sul messaggio essenziale, che deve invece essere diretto e penetrante.

Questa osservazione invita a una profonda riflessione sulla natura del discorso religioso contemporaneo e sulla sua recezione. Sta emergendo una richiesta chiara da parte della guida della Chiesa Cattolica: è necessario ridestare l’arte della sintesi e dell’enfasi nelle omelie, valorizzando ogni singola parola per incrementare l’impatto spirituale e pratico sulla comunità.

In un’epoca di crescente secolarizzazione e di abbondanza di stimoli e informazioni, il messaggio della Chiesa rischia di essere sovrastato o ignorato. La prescrizione del Papa, quindi, non è solo una regola liturgica, ma una strategica modifica nel modo di porsi della Chiesa nei confronti dei fedeli, una manovra essenziale per rimanere rilevanti nell’orizzonte esistenziale delle persone.

È evidente, quindi, che l’invito di Papa Francesco a limitare la durata delle omelie si inserisce in un più ampio contesto di riforma della Chiesa, mirato a rinnovare e a dinamizzare la comunicazione del messaggio cristiano. Attraverso la brevità e la chiarezza, la parola di Dio può continuare a essere una luce guida nel percorso spirituale e quotidiano dei fedeli.