41 views 3 mins 0 comments

La Notte di Bologna si Accende: Pamela Noutcho Sawa verso il Titolo Europeo Ebu Silver

In SPORT
Marzo 26, 2024

L’atmosfera si fa elettrica nella città di Bologna che, trasformandosi nuovamente in una capitale della boxe, si appresta a vivere una serata ricca di emozioni. Dopo un’attesa lunga dodici anni, il PalaDozza, tempio storico del pugilato locale, torna a fare da scena a un evento di caratura internazionale. È qui che Pamela Malvina Noutcho Sawa, italo-camerunese ormai simbolo della boxe femminile italiana, cercherà di raggiungere un traguardo ambizioso: la conquista del titolo europeo Ebu Silver dei pesi leggeri, attualmente vacante.

Il match, in programma per il 5 aprile, vedrà la campionessa italiana affrontare l’esperta sfidante britannica Jordan Barker Porter in un incontro che promette scintille e che determinerà chi avrà l’opportunità di battersi per il titolo continentale vero e proprio. Con dieci riprese da tre minuti ciascuna, l’evento sarà il punto di forza della ‘Bologna Boxing Night’, una serata all’insegna dello sport e dello spettacolo organizzata dalla Bolognina Boxe insieme a Promo Boxe Italia.

La tensione sale e Malvina, nata in Camerun ma italiana dal cuore e dallo spirito di lotta, è pronta a dimostrare tutto il suo talento e la sua determinazione. Dichiara di voler entrare sul ring con la massima concentrazione e di avere l’obiettivo di uscire dall’arena con la cintura di campionessa. Nonostante riconosca a Barker Porter una maggiore esperienza, confida nelle sue qualità fisiche e nella capacità di “leggere” l’avversaria al primo stretto di mano.

La pesa ufficiale si terrà il 4 aprile presso la sede di Emil Banca, un momento di alta tensione che precede il grande evento, seguito da un’inusuale introduzione musicale: il tenore Cristiano Cremonini onorerà il pubblico e gli atleti intonando l’inno di Mameli, arricchendo così la serata di un patriottico tocco emozionale.

A testimoniare l’importanza dell’evento, la conferenza stampa di presentazione è stata impreziosita dalla presenza di figure di rilievo come Gianmaria Manghi, capo della segreteria politica della presidenza della Regione, il quale ha ribadito che non esistono “sport minori” e che lo sport deve essere inteso in termini di eguaglianza e opportunità per tutti. Accanto a lui, l’assessora comunale Roberta Li Calzi, che ha sottolineato la crescita del pugilato sul territorio, evidenziando l’impatto positivo di realtà locali come la Bolognina Boxe in termini di aggregazione sociale e promozione dello sport.

In attesa del grande match, Bologna si anima e il pubblico si prepara a fare il tifo per la sua campionessa: una serata che ha tutti i presupposti per entrare nella storia della boxe italiana e che celebra l’unione tra lo sport e la comunità in una città che ama la competizione e il coraggio di chi osa sognare.