74 views 3 mins 0 comments

Divario europeo sui diritti Lgbtiq+: l’Italia tra i Paesi non firmatari

In POLITICA
Maggio 17, 2024

Nel panorama europeo, sempre più spesso caratterizzato da un dialogo aperto su temi di inclusione e diritti civili, si è recentemente verificato un episodio che ha messo in luce le fratture esistenti tra i diversi Stati membri dell’Unione Europea. In occasione della Giornata Mondiale contro l’Omofobia, la Transfobia e la Bifobia, la presidenza belga ha proposto una dichiarazione incisiva mirata alla promozione e al sostegno dei diritti delle comunità Lgbtiq+. Tale documento, tuttavia, non ha ottenuto il consenso universale, rivelando una schiera di Stati riluttanti ad unirsi a questa iniziativa.

Tra i Paesi che hanno deciso di non firmare la dichiarazione si annoverano Italia, Ungheria, Romania, Bulgaria, Croazia, Lituania, Lettonia, Repubblica Ceca e Slovacchia. Questa scelta si profila significativa, in quanto mette in risalto non solo le differenze politiche e culturali tra i membri dell’UE, ma anche la complessa geopolitica interna dell’Unione, che vede coesistere visioni spesso divergenti sul tema dei diritti umani.

La dichiarazione belga è stata concepita come uno strumento per rafforzare le politiche di supporto alle minoranze sessuali e di genere, un’iniziativa che si proponeva di riconoscere e affrontare in modo costruttivo le discriminazioni che queste comunità ancora subiscono in diversi contesti europei. Il mancato consenso da parte dei nove governi suddetti ha, di fatto, rallentato tale processo, imponendo una riflessione sulla volontà politica e sulla coesione interna all’UE riguardo tematiche di fondamentale importanza sociale.

È interessante notare che, nonostante la scelta di non aderire alla dichiarazione belga, l’Italia il 7 maggio aveva manifestato il proprio sostegno alla dichiarazione contro l’Omofobia, la Transfobia e la Bifobia promossa dal Servizio di Azione Esterna dell’UE, insieme agli altri 27 membri. Questa apparente contraddizione solleva interrogativi sull’effettivo allineamento delle politiche interne con le iniziative europee, e sulla coerenza delle posizioni italiane in tale contesto internazionale.

La non partecipazione a queste iniziative non solo dimostra una discordia in termini di impegno verso i diritti Lgbtiq+ ma, in una scala più ampia, potrebbe contribuire a minare la credibilità dell’UE come ente omogeneo e unito nei valori di equità e inclusione. Inoltre, questo episodio mette in evidenza la necessità di un dialogo più profondo e costruttivo tra i Paesi membri per superare le differenze esistenti e lavorare verso una maggiore integrazione di tutte le comunità, nel rispetto dei diritti umani universali.

In conclusione, la mancata firma di questi nove Stati membro apre un capitolo complesso su come l’Unione Europea gestisce e promuove attivamente le politiche di inclusione e rispetto per le minoranze. Sarà essenziale monitorare come questo disaccordo influenzerà le future politiche di integrazione sociale e le iniziative di tutela dei diritti Lgbtiq+ all’interno del contesto Europeo. La sfida per l’UE sarà quella di ritrovare una strategia condivisa che possa realmente promuovere un ambiente inclusivo e rispettoso delle diversità, elemento chiave della visione di un’Europa unita e coesa.