100 views 3 mins 0 comments

Incertezza sull’Intesa Ita-Lufthansa: Salvini Denuncia Possibile Boicottaggio

In POLITICA
Maggio 15, 2024

L’accordo di fusione tra Ita Airways e Lufthansa, che sembrava un passo promettente verso un rafforzamento dell’industria aeronautica italo-tedesca, si trova ora avvolto in una nebbia di incertezza. Il vicepremier e ministro dei Trasporti, Matteo Salvini, ha elevato il tono del dibattito, suggerendo che potrebbe esserci un “atto ostile” in corso contro l’Italia, orchestrato dalle istituzioni europee. L’allarme di Salvini giunge in un momento delicato per le trattative, dopo un incontro a Bruxelles che non ha portato a una conclusione definitiva.

La commissione europea, guidata dalla commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager, ha manifestato perplessità su alcuni aspetti dell’accordo, giudicando non ancora adeguato l’ultimo pacchetto di impegni presentato. Ciò include questioni relative alla distribuzione degli slot aeroportuali e le rotte aeree, punti nevralgici per il mantenimento di una concorrenza leale nel mercato.

Nonostante queste complicazioni, il presidente di Ita Airways, Antonino Turicchi, si mostra fiducioso e disponibile a qualsiasi chiarimento, sottolineando che l’unione con Lufthansa favorirebbe il mercato e non intralcerebbe la concorrenza. Turicchi ha anche ricordato come l’Italia soffra di una connettività ridotta rispetto ad altri paesi europei, con una grande quota di viaggiatori costretti a collegamenti indiretti, circostanza che l’accordo spera di risolvere.

In parallelo alle tensioni politico-economiche, l’innovazione non si ferma. Il nuovo servizio “Airport in the City” lanciato da Aeroporti di Roma (Adr) permetterà ai viaggiatori Ita Airways di effettuare il check-in e imbarcare bagagli alla stazione di Roma Termini, un’innovazione che promette di migliorare l’esperienza di viaggio facilitando l’accesso ai voli. La ministra del Turismo, Daniela Santanchè, ha celebrato l’iniziativa come un ampliamento significativo dell’offerta turistica nazionale.

Questa intricata tessitura di eventi evidenzia non solo l’importanza del settore aereo per l’economia e la mobilità europea ma anche le delicate dinamiche di potere e i dilemmi regolatori in gioco. Se da un lato l’Europa cerca di salvaguardare la concorrenza e gli interessi dei consumatori, dall’altro l’Italia si batte per rafforzare la sua infrastruttura e incrementare la propria competitività.

Il verdetto finale, previsto per il 4 luglio, sarà cruciale non solo per le future operazioni di Ita e Lufthansa ma anche per il clima di fiducia tra Italia e istituzioni europee. Le decisioni prese potranno, infatti, determinare non solo il futuro di una compagnia aerea nazionale ma potrebbero anche offrire indicazioni su come sarà gestita la competizione e la collaborazione a livello continentale nel settore dell’aviazione civile, con impatti significativi sull’occupazione e la crescita economica in un periodo già complicato. La speranza è che prevalga un dialogo costruttivo, capace di salvaguardare i posti di lavoro e, allo stesso tempo, di stimolare il mercato verso un’ulteriore integrazione europea.