61 views 3 mins 0 comments

Incertezze e Rialzi dei Rendimenti: La Borsa di Milano Arranca

In ECONOMIA
Maggio 29, 2024

In una giornata turbolenta per le piazze finanziarie europee, la Borsa di Milano ha chiuso con una decisa flessione, registrando un calo dell’1,47%. Questo movimento ribassista si è inserito in un contesto più ampio di incertezza che ha coinvolto non solo i mercati europei ma anche Wall Street, delineando un panorama di preoccupazione crescente tra gli investitori internazionali.

Il nodo centrale della tensione è stato rappresentato dalle incertezze riguardanti le politiche monetarie adottate dalle banche centrali. Tale situazione ha indotto un marcato aumento dei rendimenti dei titoli di stato, un fenomeno osservato soprattutto nel contesto italiano. Infatti, il differenziale di rendimento, lo spread tra i Btp italiani e i Bund tedeschi, ha messo a segno una crescita, attestandosi a 132 punti, con il rendimento del titolo decennale italiano che ha segnato un incremento di 11 punti base, raggiungendo il 4%.

La situazione di Monte dei Paschi di Siena (Mps) ha ulteriormente aggiunto pressione al mercato. Il titolo ha subito una pesante battuta d’arresto, scendendo del 5,4% a causa dei timori suscitati da una nuova inchiesta relativa alla gestione dei crediti deteriorati. Un clima di incertezza che ha pesato anche sulle altre principali istituzioni bancarie italiane; Intesa e Bper hanno entrambe ceduto il 2%, Banco Bpm ha perso l’1,4% e Unicredit è scivolata dell’1,3%.

Anche il settore industriale non è stato esente da difficoltà, con l’attenzione rivolta a società come Iveco, che ha registrato un calo del 4,6% e Saipem, in calo del 3,3% nella giornata in cui l’azienda ha procacciato offerte per il riacquisto di obbligazioni in scadenza nei prossimi anni. La giornata è stata altrettanto impegnativa per Tim, che ha visto un decremento del 2,1% nel giorno in cui hanno avuto luogo la pubblicazione dei risultati trimestrali e le discussioni sulla vendita della sua rete.

Anche il settore tecnologico ha incontrato ostacoli, in particolare Stm ha perso il 2,7%, nelle scie di un processo di raccolta profitti innescato da performance eccezionali nel settore tecnologico europeo, influenzate positivamente dai risultati di Nvidia. A cascata, ciò ha influenzato negativamente anche il settore energetico, che ha seguito la tendenza ribassista del prezzo del petrolio, così come il settore delle utility, risentendo della ripresa dei prezzi del gas.

Nonostante la prevalenza di tendenze negative, alcuni titoli sono riusciti a distinguersi con performance positive. Tra questi spicca Diasorin, che ha guadagnato il 2,1%. Altri leggeri rialzi sono stati registrati da Cucinelli, con un incremento dello 0,3%, e da Unipol e Pirelli, entrambi in crescita dello 0,2%.

In conclusione, la giornata di contrattazioni a Piazza Affari si è chiusa all’insegna dell’incertezza e della volatilità, con gli occhi degli investitori fissi sulle mosse future delle banche centrali e l’eco delle tensioni finanziarie che continuano a influenzare il sentiment del mercato. La strategia di investimento in questo clima socio-economico richiede una riflessione accurata e una valutazione puntuale dei rischi legati alle dinamiche complesse degli attuali mercati finanziari.